QUOTA ASSOCIATIVA! PAGO SI'! PAGO NO!

La prima valutazione é stata discussa nel Consiglio Regionale di fine Giugno dello scorso anno dove unanimemente non si accettavano casi oramai insostenibili di Circoli che da diversi anni non pagavano la quota annuale all'Associazione, se non altro per rispetto di chi aveva sempre fatto il propio dovere.
Cosí nell'ottobre scorso alcuni Circoli hanno ricevuto una lettera di sollecito,poi altri una raccomandazione a saldare o pagare la quota 2012, quindi prima della fine anno sono state inviate altre lettere con toni diversi, a secondo le varie posizioni. Ma tutte chiedevano di regolarizzare le quote.

L'Associazione da sempre é attenta a situazioni di criticità e aperta a verificare quali possibilità adottare, ma é pur vero che il voler appartenere o aderire al sistema cooperativo deve essere sostanziato anno per anno.
Dal 2012 ancora di piú perché alle Associazioni cooperative regionali si affianca Lega Coop Nazionale con una procedura di controllo che prevede anche sospensioni ed esclusioni, il tutto seguendo un pensiero logico e condivisibile: difendo e sostengo le Cooperative regolari, rispettose delle regole e partecipanti; ecco perché la nostra insistenza nel regolarizzare le quote.

I Circoli Cooperativi vollero costituire l'Associazione per essere piú tutelati, avere piú voce nei confronti delle Istituzioni e costituire insieme una forza anche economica per le situazioni deboli. Scelsero la Lega delle Cooperative per convinzione e affinità politica.
Oggi la stagione dei collateralismi é finita, la Cooperazione ha avviato un percorso dove si cancelleranno i colori di appartenenza " le rosse ,le bianche o le verdi",é questione di tempo ma questo succederà,nella convinzione che  storie ed esperienze non verranno cancellate ma arricchiranno le radici dei valori da passare alle nuove generazioni.
Ora qualcuno domanderà oltre le parole, cosa porta a casa nelle sue tasche il pagamento di una quota, dove sta la tutela, la rappresentanza ed il sostegno economico per i Circoli?
A domanda mi vien da rispondere cosí:  chi in questi anni ha chiamato in Associazione difficilmente é rimasto senza una risposta, chi ha chiamato sa che puó trovare anche la soluzione ai suoi problemi, tutti i giorni l'Associazione apre gli uffici nella convinzione di dare una mano alle difficoltà o poter essere utile ai Circoli, semmai  sarebbe da domandarsi quando avete un problema a chi rivolgersi.

In questi giorni stiamo distribuendo con Fincircoli i primi 300.000 €uro ai Circoli che hanno avuto spese di vario genere nel 2013, un finanziamento regionale perché la Regione riconosce i Circoli associati non il singolo circolo.
L'Associazione ti affianca per i contratti d'Affitto, di lavoro, ti aiuta nel complicato panorama di norme e leggi ,dai giochi alla sicurezza, a quelle igieniche e con Fincircoli nelle convenzioni di vario genere fino alla consulenza legale e finanziaria.

Ecco perché penso che l'Associazione Circoli Cooperativi  vada sostenuta anche con la quota annuale e, se un giorno malauguratamente chiudesse sarebbe una grave mancanza per tutti i 340 Circoli associati.

Il presidente Associazione Circoli Coop. Lombardi
Vittoriano Ferioli

 

Commenti

Invia nuovo commento

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

© 2019 Dipartimento Circoli, Area Cultura e Media, Sport e Turismo
Codice Fiscale: 80176910158 | Cookie Policy | Privacy | Termini e Condizioni | Login