Il 2010 per l'associazione sarà l'anno dedicato agli amministratori

Chi ha piacere di leggere questo numero ci troverà consigli, idee ed un mondo in movimento, quello dei Circoli. Per prima cosa diciamo: attenti! A quei circoli indecisi sul fotovoltaico; farlo o non farlo, quanto costa davvero? Le agevolazioni stanno cambiando, il Governo Berlusconi sembra voglia modificare:  leggete l'articolo a pagina 5. Eugenia Beretta vi racconta come muoversi per organizzare lotterie o tombole: da leggere a pagina 4. Mentre in ultima pagina annunciamo le prime informazioni del Trofeo Bocce che coinvolgerà tanti circoli in regione. C'è una cooperativa a Cinisello Balsamo (Mi) che per quanto sia cresciuta in dimensioni e fatturato, produce un'attività mutualistica e sociale per i propri soci a dir poco eccezionale: l'Auprema.  Nel 2010 cambierà in nome in UNIABITA, con Gigi Marinoi siamo andati a conoscerla. Da leggere a pagina 3. E ancora: arriva un espositore che si chiama INFORMACIRCOLI, scopritelo a pagina 5. Ora volevo fare una riflessione con voi perché negli ultimi mesi dell'anno ho avuto diverse occasioni per incontrare i Circoli a Gaggiano, Albizzate, Moltrasio e Caronno Varesino. Ho ascoltato i problemi degli amici di Adriano Colombi di Castro (Bg), Ezio Valisi di Magenta ed altri ancora. Da questa variegata serie di incontri due sono i pensieri che mi rimangono costanti; il primo è che ognuno a modo suo questi Circoli hanno vissuto momenti di forte socialità, militanza e passioni; purtroppo questi momenti, per alcuni sono quasi un ricordo perché chi li ha vissuti, oggi ha qualche anno in più e sente di aver perso un po' di freschezza nelle idee; altri hanno un rapporto difficile con i giovani e la socialità di oggi, le attrattive per i giovani sono altre ed i Circoli rischiano di invecchiare. Conseguente a questa riflessione sento a volte che gli amministratori hanno perso un po' i contatti con il mondo attorno, che fanno fatica a capire, così come quello dei propri soci.

Ci sarebbe da disperare? No! E questo non mi stanco di ripeterlo ogni volta che ne ho occasione. I Circoli sono nati da persone come noi tutti che sentivano il bisogno di incontrarsi ed insieme vivere comuni interessi. Questa motivazione vale oggi come ieri, occorre rigenerarla e forse qualche volta riscoprirla. Insieme ai soci si decide cosa fare nel Circolo con il Circolo. Perché in un Circolo Cooperativo si possono fare tante cose, molte di più che in una semplice associazione ma soprattutto in un Circolo si può usufruire di una struttura economica regolare che può sostenere le attività, il lavoro, la necessità dei soci e le passioni che nel circolo nascono. Ecco perché pensiamo a un 2010 dedicato agli amministratori; per riscoprire e rigenerare l'anima dei Circoli Cooperativi. Insieme, con incontri che sappiano raccontare esperienze e positività di altri Circoli, rinnovare la missione cooperativa, valutare gli aspetti positivi e di difficoltà.  In Associazione stiamo preparando una proposta che valuteremo in Esecutivo e con i Rappresentanti Territoriali per capire meglio le opportunità, gli obblighi, le potenzialità, con l'auspicio di far partire questi incontri velocemente per cui ai presidenti ed agli amministratori dico: stiamo in ascolto…cose buone sono in movimento.

Commenti

Invia nuovo commento

CAPTCHA
Questa domanda serve a verificare che il form non venga inviato da procedure automatizzate
Image CAPTCHA
Enter the characters shown in the image.

© 2019 Dipartimento Circoli, Area Cultura e Media, Sport e Turismo
Codice Fiscale: 80176910158 | Cookie Policy | Privacy | Termini e Condizioni | Login